Grande affluenza ad Acquaria 2017

///Grande affluenza ad Acquaria 2017

Si è chiusa con un nuovo record l’ottava edizione di Acquaria Mostra convegno delle tecnologie per l’Analisi, la Distribuzione e il Trattamento dell’Aria e dell’Acqua, organizzata a Verona lo scorso 18 e 19 ottobre.

Oltre 7.400 sono risultati gli operatori specializzati arrivati alla due giorni verticale che hanno potuto aggiornarsi, informarsi, conoscere le soluzioni tecnologiche più avanzate, le ultime novità del mercato, e sviluppare concrete occasioni di business con le aziende del settore. Acquaria si è svolta in contemporanea con gli importanti eventi sinergici MCM (manutenzione industriale) e SAVE (automazione e strumentazione industriale), offrendo un concentrato di opportunità di business, approfondimenti e novità sulle soluzioni tecnologie e gli approcci al trattamento delle acque all’avanguardia.

Al successo della due giorni ha contribuito anche il ricco calendario colmo di appuntamenti, convegni, dibattiti, tavole rotonde, workshop e approfondimenti dal taglio tecnico-applicativo organizzati con la collaborazione di tutte le associazioni di riferimento del settore. Tra le associazioni che supportano l’evento ricordiamo Aiat (Associazione Ingegneri per l’Ambiente e il Territorio), Anipla (Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione Industriale), AIS/ISA Italy Section (Associazione Italiana Strumentisti), Aiman (Associazione Italiana Manutenzione), Aias (Associazione Professionale Italiana Ambiente e Sicurezza), e altre ancora.

Acquaria è l’evento verticale che vuole fare il punto sulle tematiche e le tecnologie ambientali legate al trattamento dell’Acqua e dell’Aria, alla riduzione degli sprechi e alla gestione dell’offerta, all’analisi e al trattamento delle acque reflue, al trattamento per la riduzione delle perdite idriche, all’analisi sui sistemi di filtrazione, senza trascurare argomenti di forte attualità quali la tutela dell’ambiente e la lotta all’inquinamento. Elevatissima la presenza degli operatori ai convegni in programma nella due giorni tecnologica, una delle peculiarità della manifestazione è da sempre l’elevata qualità dei contenuti e dei relatori. A cominciare dal seguitissimo convegno “Tecnologie e innovazioni per il trattamento delle acque”, curato da AIAT, e coordinato da David Balzonella (Università degli studi di Verona), che ha esplorato attraverso casi reali, i sistemi e le numerose innovazioni dedicate al settore della depurazione delle acque reflue. La prima parte della sessione è stata dedicata alla gestione delle acque e ai progetti di efficientamento energetico, ricordiamo la presentazione tenuta da Luciano Franchini (AATO Veronese) per la gestione delle acque nel territorio veronese; Annarita Mutta (Acqueveronesi) ha introdotto invece il tema del recupero di energia ed efficientamento nei depuratori di acque reflue civili; l’analisi del collettore fognario del Lago di Garda è stata invece oggetto dell’intervento di Carlo Alberto Voi (Azienda Gardena Servizi). Si è continuato poi con l’innovativo progetto Europeo “Smart Plant” presentato da Nicola Frison (Università degli Studi di Verona) sulla fattibilità e sostenibilità nell’integrazione dei depuratori urbani e trasformarli in impianti di recupero, con forti impatti economici e sociali, oltre che ambientali.

Anna Laura Eusebi (Università Politecnica delle Marche) ha parlato dell’ottimizzazione degli impianti, mentre Daniele Renzi (Alto Trevigiano Servizi) ha introdotto ai processi innovativi Via-Nitrito per la gestione dei fanghi di depurazione.

By | 2018-01-23T10:38:26+00:00 23 gennaio 2018|Convegni|Commenti disabilitati su Grande affluenza ad Acquaria 2017