K+energy: la rivoluzione nel mondo delle pompe per acque reflue

///K+energy: la rivoluzione nel mondo delle pompe per acque reflue

Caprari lancia un prodotto innovativo dal brevetto esclusivo

Innovare per trovare nuove soluzioni efficienti per la gestione dell’acqua è il core business di Caprari. Grazie alla propria divisione dedicata alla ricerca e sviluppo, il Gruppo industriale modenese è in grado di offrire ai clienti prodotti dagli alti rendimenti e dalle performance distintive. Ogni nuova pompa è pensata per rispondere a una specifica richiesta del mercato, nel modo più efficacie e tecnologicamente avanzato.

Proprio per soddisfare le esigenze degli operatori di settore, sempre più attenti al risparmio energetico e ai costi di funzionamento e per anticipare l’evoluzione della Direttiva Ecodesign, Caprari presenta sul mercato una nuova gamma di elettropompe con caratteristiche uniche e rivoluzionarie dedicata alla acque reflue: la serie K+ Energy.

Le nuove pompe sono progettate per garantire un’efficienza premium grazie ai motori in classe di rendimento equiparabile a quella IE3, secondo quanto definito nel Regolamento 640/2009 specifico per i motori di superficie. I materiali più performanti e i nuovi motori ancora più “freddi” assicurano totale affidabilità di funzionamento anche in applicazioni termicamente difficili.

La nuovissima gamma K+ Energy rappresenta una svolta epocale per il sistema “DryWet”, la soluzione per il raffreddamento unica sul mercato, innovativa e brevettata.

Il sistema di raffreddamento “DryWet” è semplice ed affidabile, è standard e consente al cliente di utilizzare un unico modello sia in applicazioni sommerse che in camera asciutta. In più il “DryWet” system presenta due  importanti vantaggi per il cliente: non richiede manutenzione addizionale e non assorbe energia a tutto vantaggio delle performance della pompa.

Le K+ Energy sono disponibili anche in versione antideflagrante con certificazione ATEX e IECEx (direttiva antideflagrante Nord Americana).

Un’altra caratteristica estremamente interessante del prodotto risiede nel sondino di conduttività sempre in camera olio, disponibile anche nella versione Atex (patent pending) come unicità tra i prodotti presenti sul mercato; in caso di rottura della prima tenuta, invia il segnale d’allarme immediatamente al quadro, si può così procedere alla riparazione evitando, che il liquido pompato superi lo sbarramento costituito della seconda tenuta. Il motore elettrico è sempre protetto.

In ottica di facilitare la fase di manutenzione, lo spinotto consente di scollegare l’elettropompa senza dover staccare i cavi dal quadro, di movimentarli e ricollegarli riducendo significativamente i tempi d’intervento dell’operatore e garantendo l’estrema sicurezza delle operazioni.

La maniglia in fusione di precisione di acciaio inossidabile ampiamente dimensionata assicura facilità di movimentazione della K+ Energy, robustezza del componente oltre a permettere il recupero della macchina immersa in caso di necessità.Altre caratteristiche:

Configurazione non stop K+

  • sistema antisedimentazione
  • sistema di taglio fibre a protezione della tenuta meccanica
  • palettatura sul disco al mozzo con duplice effetto di pulizia della zona e compensazione delle spinte assiali a protezione dei cuscinetti
  • passaggi liberi tra i più ampi della categoria

Doppia tenuta meccanica

  • tenute meccaniche separate e non proprietarie
  • riduzione della quantità d’olio a garanzia di basso impatto ambientale e facilità di smaltimento
  • facilissima la smontabilità e riparabilità delle tenute meccaniche entrambe sostituibili dal lato pompa
By | 2018-06-14T12:13:17+00:00 14 giugno 2018|Articoli, Tecnologie-applicate|Commenti disabilitati su K+energy: la rivoluzione nel mondo delle pompe per acque reflue